Pro Loco Amici di Strassoldo
Novita'
(Mostra dettagli...)

Prossima manifestazione: Fiori, Acque e Castelli - sabato 08 e domenica 09 aprile 2017

Manifestazioni "Fiori, Acque e Castelli" e "Frutti, Acque e Castelli"(per espositori)

Per partecipare come espositori alle manifestazioni sopraindicate, contattate la contessa Gabriella Williams di Strassoldo all'indirizzo mail info@castellodistrassoldo.it oppure visitate il sito internet www.castellodistrassoldo.it.
In alternativa, potete scrivere ai proprietari del Castello di Sotto all'indirizzo mail m.strassoldo@gmail.com

Sala Multimediale Pro Loco Amici di Strassoldo

Vi informiamo che presso la nostra sede è disponibile una sala multimediale con una sessantina di posti per conferenze, convegni, ....
Per ulteriori informazioni, contattateci all'indirizzo mail info@prolocostrassoldo.it oppure al numero di telefono e fax 0431/93298.

Facebook

Ci trovate anche su Facebook all'indirizzo http://www.facebook.com/prolocoamicidistrassoldo


La Visita: Verso la porta Cistigna (1a parte)

A Strassoldo si sono prese, nel corso dei secoli, decisioni importanti; inoltre numerosi personaggi storici hanno soggiornato in questi luoghi.

Il 17 settembre 1593 i provveditori veneti, capitanati da Marcantonio Barbaro si riunirono per decidere la fondazione della fortezza di Palmanova. L'atto fu firmato il 16 ottobre 1593 nella saletta del Castello di Sopra detta della Scala di pietra.

Nel Castello di Sotto, durante la 1a guerra mondiale, soggiornò sua Altezza Imperiale Regia, l'Arciduca Carlo Alberto d'Austria.

Nel libro degli ospiti fece dettare queste frasi (il penultimo giorno della ritirata austriaca, il 3 novembre 1918): "Ed ora contessa faccia una striscia rossa e poi Avanti Savoia, noi siamo gli ultimi!!! Non sappiamo nemmeno più dove sia l'Imperatore!"

Sempre durante la 1a guerra mondiale, la III armata, comandata da sua Altezza Reale Emanuele Filiberto di Savoia (duca d'Aosta) stabilì la sua sede nelle sale del Castello di Sopra.

Al comando della III armata fu aggregato il grande poeta Gabriele D'Annunzio che, ispirato dal paesaggio di Strassoldo, scrisse Leda senza cigno nel quale descrive tale paesaggio in modo idilliaco e paragona la folta chioma di Ofelia con i rami dei salici piangenti presenti sulla riva del fiume.

Altri luoghi da visitare:

- Verso la porta Cistigna (2a parte)

- Santa Maria in Vineis

- Ritorna alla pagina "Visitare Strassoldo"

- Ritorna alla pagina "Borgo Nuovo"

- Ritorna alla pagina "Castello di Sotto"

- Ritorna alla pagina "Castello di Sopra"